Il blog si è trasferito!

Sarai reindirizzato automaticamente in 6 secondi. Altrimenti vai a
http://www.zeldawasawriter.com
e aggiorna il segnalibro.

venerdì, settembre 17, 2010

Crepi l’avarizia, vinciamo tutti e non se ne parli più. Ultimo post.

Voi siete quanto di meglio io potessi sperare! E non sto facendo complimenti gratuiti, sia chiaro.
Il “concorso” del post Borsa mia fatti capanna è andato benissimo!
E siamo qui per gli ultimi due invii e la solenne dichiarazione di non vittoria.
In pratica – tenetevi forte - non avete vinto tutti. Felici?!
E mannaggia, seguiamola un po’ questa fantasia!! Sono sicura che ci porterà lontano ;)

Daniela, detta Danidani oppure d. (Milano, Italy)
Analisi del contenuto:
Amici, qualcosa mi dice che questo contenuto è stato in vacanza. Arguta?
Dalla mail della Danidani (la faccio diversa con questi ultimi due invii perché la mia capacità analitica è andata a ramengo… sempre ammesso che abbia mai albergato da queste parti):

A dire il vero è il contenuto della borsa del mare, una shopping bag omaggio regalatami alla presentazione del cd dei Bastard son of dioniso con da una parte le loro tre facce areografate e dall’altra il logo della Diesel.
Ero a Oliveri, provincia di Messina, in Sicilia, era tardo pomeriggio e nella borsa avevo esattamente questo:
- pantaloncini blu;
- sigarette (perché in Sicilia il pacchetto morbido è difficile da trovare);
- portamonete rosso con dentro: tachipirina, cerotti, accendini, materiale per manutenzioni varie (te lo spiego e/o fotografo un’altra volta), sassi belli colorati e cicche;
- portamonete bianco in finta pelle con dentro bancomat, qualche soldino, qualche monetina, patente, cellulare e burrocacao;
- pezzo sopra del costume bianco e blu (perché, facendo freschino, indosso avevo la maglietta);
- occhiali da sole
- crema nivea protezione 10
- acqua termale dell’Avene in miniatura per la mia pelle delicata.
Mancava una cosa che era accanto al mio pareo: il libro che stavo leggendo, fotografato qualche giorno prima a Cefalù.

Permettetemi di aggiungere che la Danidani, oltre che precisa e bella, non si mangia più le unghie.
 
Ilaria, detta magdalenachi o verdeanice (Roma, Italy)

Analisi del contenuto:
Anche qui faccio del sano jazz, vi va?
Bene. La qui presente Ilaria porta nella borsa una custodia voluminosa per la sua macchina fotografica… è la prima cosa che mi ha colpito. Forse perché era da tempo che volevo darvi il link del suo flickr. Merita davvero!
Oltre ad essere una giornalista impegnata (si vedano i taccuini), oltre a tenere alla pulizia dei suoi denti (la bustina di collutorio nella pochette le regala come minimo 1000 punti); Ilaria fotografa piuttosto bene. Si tratta di piccoli scampoli di vita, perle di storie colorate e invitanti. Insomma, sono le tipiche fotografie che vorresti farti raccontare infinite volte.

Avete notato che, nonostante la presenza di un portafoglio, nelle nostre borse c’è sempre una monetina che balla tra la tasca interna e il fondo (tra le briciole di grissini e le palle di scontrini)?
Interessante spunto per una riflessione comune sul nostro bisogno di disseminare tracce di noi… questo blog inizia davvero ad essere educativo! :O



Riassunto di tutte le tappe del concorso
BORSA MIA FATTI CAPANNA:


Qui è nata l’idea.
1. I primi a rispondere: Giusilla e Alex.
2. Due preziosità: la padrona di Nelson e la mitica V.
3. Un trittico d’eccezione: Ale, Dailan e miss.  goffetown.
4. Un gatto, la Chicchetty e Kifki.
5. Maria Grazia, l'Autan e la Pulcina.
6. Echi vacanzieri con la Danidani e le foto di Ilaria.
7.(aggiunto con il senno del poi): il colore di *A!

VI ADORO! 
Bacibellissimi!!

 

4 commenti:

nelsoncocker ha detto...

anche noi ci adoriamo!
uahuahuahahah

Zelda was a writer ha detto...

;)

Ilaria ha detto...

(ehm... mi devo sbrigare a rinnovare flickr pro che mi è scaduto...)
grazie, è stato un piacere partecipare! e che bellissima carrellata di borse.

Zelda was a writer ha detto...

sìsì, rinnova!! attendo trepidante ;)

grazie a te, ilaria :DD
ti aspetto alla prossima camillata!